Come realizzare i propri sogni?

Quanta attendibilità hanno le diagnosi cliniche di oggi?
agosto 11, 2017
Il tuo ragazzo guarda i porno. Devi preoccuparti?
settembre 18, 2017

Come realizzare i propri sogni?

La nostra epoca è quella che verrà ricordata come un periodo di grande crisi economica. Quando ogni tanto, la situazione sembra un po’ riprendersi, ecco che il tg ci ricorda di non illuderci :  <<l’Istaat è sempre sotto la soglia, la povertà tra poco busserà alle nostre porte.>>.

 

Ok, cerchiamo allora di non accendere più la televisione e di aprire invece qualche libro o computer, che sicuramente danno un po’ più di speranza. Scienziati ed esperti avevano predetto che la nostra sarebbe stata un’era di grande cambiamento.



 

Io personalmente, mi accorgo di quanto i tempi sono cambiati quando sento parlare i miei nonni, direi anche i miei genitori ma ho paura si offendino 😊 .Mi raccontano spesso con occhi lucidi e pieni d’orgoglio, dei tanti sacrifici fatti nel corso della loro vita, che hanno permesso loro di avere quello di cui godono ora, una bella casa, un grande orto ricco di frutta e verdura e un po’ di soldini per concedersi qualche sfizio. La loro è un’altra mentalità sicuramente, proiettata soprattutto al guadagno e al risparmio, in vista di un futuro più prosperoso. Niente di più meritevole certo, quello che mi chiedo però è : “vale la pena fare una vita sacrificata fatta di lavoro massacrante per poi beneficiarne in tarda età? Non è meglio godersela tutta questa esistenza, ogni giorno?

 

Fortunatamente abbiamo fatto un salto di qualità in questo senso. Oggi difatti, l’obbiettivo principale non riguarda più i soldi, ma la felicità. Questo traguardo così ambito, è diventato la cosa più importante, che ci sta più a cuore, a costo di arrivare a vivere in una capanna con due cuori appesi fuori dalla porta. 😀

 

Lo star bene e la ricerca di un lavoro che piace e che dia soddisfazione è diventato il fine principale delle nuove generazioni. Quando parlo di lavoro con le persone, quella che mi arriva è una sensazione di insoddisfazione generale, di rivolta e di voglia di cambiare. Mentre una volta il lavoro si discostava da ciò che è la predisposizione di una persona, oggi ognuno nella ricerca di un impiego si indirizza verso qualcosa che è più affine alla sua personalità ed al suo talento. Ad esempio mio nonno ama la terra e gli investimenti. Lui certamente se avesse potuto scegliere avrebbe fatto o il contadino o il broker ( due lavori che si assomigliano molto 😀 ). In realtà lui non si è mai posto il problema del” posso tramutare in lavoro ciò che amo fare nella vita”. Per nulla, lui pensava soprattutto a portare a casa la famosa “pagnotta” e far vivere nel maniera più agiata possibile la sua famiglia. Lo stimo molto per questo, perché ha messo da parte la sua serenità per un qualcosa di più grande, e soprattutto per gli altri. Ora però la nuova generazione ha una mente proiettata al presente, al benessere fisico e psicologico alla voglia di diventare qualcuno e di realizzarsi professionalmente.




Sono cambiate le persone ma anche la società. Abbiamo l’occasione di esprimere il nostro talento, la nostra unicità, facendo ciò che ci piace fare. Prova ad immaginare delle mattine in cui ti puoi svegliare senza la solita voglia di morire all’istante, oppure di licenziarti, ma pieno di energia pronto ad affrontare una giornata di lavoro entusiasmante e stimolante. Sembra impossibile vero? Una volta sì lo era, ora non più.

 

Ma arriviamo al concreto. Come può una persona arrivare a realizzare i propri sogni? Servono diversi ingredienti fondamentali, ecco quali :

 

  • Primo ingrediente : Avere un obbiettivo ben chiaro. Se non hai idea di cosa vuoi fare nella vita, devi capirlo prima di metterti in azione. Senza un traguardo da raggiungere non si può definire nemmeno la strada da percorrere. Quindi: esci a comprare un’agenda, se non ce l’hai, e riempila di desideri, obbiettivi e aspirazioni. Impara a conoscerti ed a capire cosa vuoi. Questo serve a fissare bene nella tua mente ciò che vuoi ottenere, perché un proposito che non viene messo per iscritto, resta vago e fluttuante. Una volta che il tuo obbiettivo è stato identificato e trascritto, automaticamente intorno a te si determinerà una pressione positiva che ti aiuterà a realizzarlo, l’universo inizierà a muoversi per aiutarti a raggiungere le tue aspirazioni.

 

  • Secondo ingrediente: Molta motivazione, perché senza non si va da nessuna parte. Quando una persona è motivata, può ottenere ciò che vuole. E’ la forza psichica che ti permetterà di avere sempre entusiasmo anche quando arriveranno i momenti difficili. Perché ce ne saranno, e la differenza la farai se riuscirai a non arrenderti ed a proseguire nel raggiungimento dei tuoi obbiettivi con determinazione e perseveranza.

 

 

  • Terzo ingrediente: La pazienza, è connessa al punto precedente, perché è questa che ti permette di affrontare le difficoltà con ottimismo, consapevole del fatto che non può piovere per sempre. (Se vivi a Londra è un altro discorso 😉 ). Abbi fiducia nel fatto che una volta passata la tempesta potrai riassaporare il sereno e gioire per avercela fatta. Anche perché all’inizio è tutto un po’ più semplice, quando l’ambiente è nuovo e le cose un po’ più leggere, ma la la vera “prova del nove” arriva dopo, con il tempo. Tutto avviene per un motivo, ogni cosa porta con sé un significato nascosto, in questo caso le avversità arrivano per testare quanto ci tieni ai tuoi sogni e se sei disposto a metterci cuore e impegno per realizzarli. Come dico spesso, le cose facili ed immediate non portano mai a nulla di buono, se si vuole ottenere qualcosa con merito bisogna guadagnarselo.




Una volta compreso ciò che volete fare, vi servono i mezzi per poterlo realizzare. Una risorsa che il mondo d’oggi ci offre e che porta molti vantaggi è internet. Questa rete virtuale che abbiamo creato, è stupefacente. E’ uno spazio libero, dove la gente può esprimere liberamente la propria opinione e parlare di ciò che gli piace.

 

Questo “parlare” non solo permette di esprime la propria passione ma può diventare un vero e proprio lavoro! Certo non basta svegliarsi la mattina, aprire il portatile e mettersi giù a scrivere quello che passa per la mente. Bisogna informarsi, essere costantemente curiosi, per quanto pensiamo di conoscere, ci sarà sempre qualcosa di cui siamo all’oscuro.

Elaborare ciò che vogliamo scrivere o creare precede quella che dopo sarà un’accurata verifica del nostro lavoro e che ci dà il via per poterlo condividere con gli altri.  Ci sono tante persone che non sono competenti quanto lo sei tu in un qualcosa che ti appassiona, quindi perché non divulgare questa sapienza e condividerla con il mondo?

Moltissimi blog che funzionano attualmente parlano di web marketing. Anni fa, se uno avesse avuto intenzione di diventare consulente di Web marketing, mai si sarebbe sognato di aprire un blog senza aver prima ottenuto una laurea. Era obbligatorio formarsi adeguatamente se si voleva ottenere buone referenze. Ora una persona ha la possibilità di ottenerle con l’esperienza. Che a mio avviso è la cosa più importante.

Quante persone dopo una laurea in psicologia si dicono : << ed ora? Cosa devo fare? Come si aiuta un paziente? “>> . Questo perché le nostre università sono unicamente improntante sulla formazione teorica, che sicuramente è importante, ma non più dell’insegnamento pratico. E’ sul campo che si imparano davvero le cose.

Micheal O’Leary , CEO di Raynair, si laureò in economia lavorando in un bar per mantenersi gli studi. Poi un giorno ha la fortuna di incontrare Tony Ryan, fondatore dell’azienda che Leary prenderà in gestione nel 1984. Da quell’anno, la trasforma completamente in una compagnia di voli low cost, portandola a fatturare 523 milioni di euro: «Ho iniziato da piccole attività: aprivo alle 7 di mattina e chiudevo alle 11 di sera. È così che ho imparato come si gestisce un’impresa. Non sui libri».




E se invece il tuo sogno fosse quello di diventare un grande cuoco ma mancano le risorse economiche? Non ti abbattere perché c’è sempre una soluzione, ad esempio potresti “sfogare” la tua passione in un blog, dove puoi suggerire ricette interessanti, o mostrare piatti magnifici da te creati. E’ una vetrina potentissima e non devi nemmeno pagare l’affitto!

 

Per citare un altro grande imprenditore italiano, Renzo Rossi, CEO di Diesel, figlio di agricoltori, inizia a lavorare guidando il trattore del padre. La sua passione però sono i vestiti e all’età di 15 anni decide di creare il suo primo paio di jeans, utilizzando la macchina da cucire della madre. Ha raggiunto il successo partendo da zero : «Essere alla moda e trendy, significa investire continuamente in cose e persone nuove, abbracciare i rischi. Senza tenere conto della situazione economica e delle crisi».

Riassumendo, realizzare i propri sogni oggi è possibile. Non basta però volerlo, ci vuole tanta grinta e determinazione, ma sono certa che ne hai a sufficienza altrimenti non saresti arrivato fino alla fine di questo lunghissimo articolo 😉

 

Spero che questo articolo ti sia servito e se hai dubbi o domande che vorresti farmi scrivimi a pensidisapere@gmail.com, sarò lieta di darti un aiuto.

 

Voglio così concludere con un pensiero di Einstein che come sempre anche in questa cosa ci ha azzeccato a pieno :

“Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. 
La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perchè la crisi porta progressi. 
La creatività nasce dall’angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura. 
E’ nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. 
Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e da più valore ai problemi che alle soluzioni.

La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. 

L’inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d’uscita. 
Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. 
Senza crisi non c’è merito. 
E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perchè senza crisi tutti i venti sono lievi brezze.

Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. 
Invece, lavoriamo duro. 
Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.”

Albert Einstein

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici o commentalo qui sotto!

0 votes
  • Cristina Pulvirenti

    Molto bello