Come superare un amore non corrisposto?
marzo 14, 2017
Un dodicenne è in grado di decidere se vivere o morire?
luglio 15, 2017

Come crescere al meglio il proprio bambino?

Bene, siamo diventati genitori. Ed ora? Come crescere al meglio il nostro bambino e far sì che diventi forte, sicuro di sé, in gamba? C’è un modo? Sì c’è. Ci sono delle nozioni importantissime che chiunque sta per diventare genitore deve sapere.

Il neonato: La prima cosa che la psicologia evolutiva insegna è che le cure materne sono importanti, ma necessarie. Il bambino ha bisogno di sentire la madre presente, fisicamente e mentalmente. E’ lui ora la priorità e non deve essere trascurato in nulla, ma protetto, accudito, consolato e ricevere tutto l’amore possibile. Jhon Bowlby, psicoanalista britannico, pioniere della “Teoria dell’attaccamento” fu il primo a sottolineare l’importanza dell’accudimento materno del bambino, la cui privazione può avere gravi e prolungati effetti sul carattere dell’individuo. Renè Spitz, psicoanalista austriaco, ha condotto numerosi studi su bambini in condizioni di deprivazione affettiva negli orfanotrofi e ospedali, scoprendo che i neonati che non ricevevano amore e affetto andavano incontro a danni irreversibili sul piano motorio, intellettivo, del linguaggio e nello sviluppo intellettuale. Una cosa è ancora più sconcertante: studi hanno mostrato che il 60% dei bambini che ricevono cure igieniche, alimentari e cliniche ma non amore ed affetto, muore prima dei due anni di età per depressione infantile.

Un bambino quando nasce, è una sorta di tabula rasa. Dico sorta perché, l’impronta genetica iniziale fa la sua parte, ma l’educazione che da lì in poi gli verrà impartita, sarà fondamentale nella sua vita. La violenza che vediamo in un bambino non è innata. L’ha vista, appresa, interiorizzata e poi imitata. I genitori hanno un ruolo fondamentale come figure di apprendimento perché danno al bambino un esempio su come si affronta la vita. Quando leggo di un caso di bullismo da parte di adolescenti o bambini, il mio pensiero va subito ai genitori : cos’hanno sbagliato? Ovviamente ci sono casi e casi da tenere in considerazione, ma per la maggior parte è così.



Una volta compresa l’importanza dell’amore che ci deve sempre essere nella crescita di un figlio, e dell’esempio genitoriale come modello di apprendimento del bambino si arriva ad un altro concetto fondamentale : assecondare la sua natura. Come ho detto in precedenza, il bambino non nasce senza alcuna traccia di sé, al contrario ha delle inclinazioni e predisposizioni innate che il genitore deve incoraggiare. Quanti adulti si ritrovano a 30 anni depressi ed infelici perché hanno seguito ad esempio le orme paterne di avvocato eccellente? O quanti scoprono troppo tardi qual è lo sport più adatto a loro perché costretti da piccoli a fare ciò che gli dicevano mamma e papà?  Gli adulti hanno certamente l’obbligo di essere vigili e severi quando bisogno, altrimenti si ritroverebbero un figlio egoista ed irrispettoso degli altri, ma devono al contempo trovare quel giusto equilibrio che permetta al bambino di essere umile e grato di ciò che ha e felice perchè messo nella condizione di poter rispecchiare la sua autenticità.

Stimolare la curiosità : i bambini più brillanti e simpatici sono quelli che hanno ricevuto un’infanzia ricca di stimoli, quali giochi, sfide, relazioni, contatti con altri bambini. Una persona che conosco fa morire dalle risate gli amici quando inizia ad interpretare uno dei suoi racconti. Se gli si chiede chi sono i Savoia (antica famiglia nobiliare europea), inizia una sorta di narrazione epica che ti lascia a bocca aperta. La maggior parte delle cose è inventata (ho scoperto dopo, da credulona quale sono), ma fa talmente piacere ascoltarlo che una volta gli dissi: “Tutta questa fantasia che hai è un dono di natura!”. Mi rispose invece che quando era piccolo, sua mamma gli dava una parola da lei decisa, che lui doveva utilizzare per creare delle storie di fantasia. Pazzesco! Con questo semplice giochino gli ha sviluppato una spiccata capacità di immaginazione. Il famoso scrittore Dan Brown raccontava in un’intervista che per la scrittura del Codice da Vinci è stato ispirato dagli anagrammi e caccie al tesoro strutturate dal padre. Ad esempio a Natale, il piccolo Dan e i suoi fratelli dovevano cercarsi da soli i regali, spesso vagando per la città. Chissà quante volte avrà ringraziato l’adorato padre per averlo incoraggiato ad usare ingegno e creatività, elementi che poi lo hanno portato a scrivere un libro di grande successo.

 

“Crescere è l’occasione importante che si ha per valorizzare l’unicità e le potenzialità del bambino, che è speciale e ci fa rivivere quella gioia, stupore, curiosità e autenticità che tutti una volta abbiamo provato”
1 vote
  • Cristina Pulvirenti

    6 giorni fa
    Mi riferisco all’ articolo “come crescere i propri figli” sono d accordo con quanto scrivi è importantissimo l amore materno sempre , ma indispensabile nei neonati, momenti imperdibili nella vita di una mamma e fondamentali per la crescita del piccolo! E’ una fortuna poter crescere personalmente il proprio bambino nel primo anno di età , purtroppo non tutte le mamme hanno questa possibilità per problemi lavorativi. Io sono stata fortunata i miei bambini li ho cresciuti da sola in tenera età ed è stato il periodo più bello e gratificante della mia vita!

    • Grazie Cristina i tuoi commenti sono sempre molto belli e pieni di contenuti validi 🙂

  • Pingback: Come crescere al meglio il proprio bambino? | PianetaMamma Forum()